Comune di Roccabruna - www.comune.roccabruna.cn.it

 

Quartieri \ Storia


Il quartiere della Storia dell’Occitania.


QUARTIERE DELLA STORIA OCCITANA

PIAZZA GIUSEPPE GIORSETTI PLAÇA JUSÈP JORSET
Sindaco di Roccabruna dal 1970 al 1994 seppe amministrare con impegno, onestà e lungimiranza il proprio comune.

PIAZZA S. BERNADETTE SOUBIROUS PLAÇA S. BERNARDETA SOBIRÓS
Veggente di Lourdes, villaggio della Guascogna, visse fra 1844 e 1879 e fu canonizzata nel 1933. Nell’apparizione del 1858 nella grotta, la Vergine le disse nel dialetto occitano della Guascogna “Que sòi era Immaculada Concepcion”.

Strada CANTONI ALPINI  CHAMIN ESCARTONS
Gli Escartons furono una confederazione tra cantoni alpini che ebbe un’eccezionale autonomia di governo fra 1343 e 1713: ne facevano parte cinque cantoni, quello dell’Alta Val Varaita (la Castellata), di Oulx, del Queyras, di Briançon e di Pragelato.

STRADA DEI CATARI –  CHAMIN DES CÀTARS
Movimento religioso diffusosi nel XII secolo nell’Occitania centro-meridionale che riteneva la materia causa del male. Essi si chiamavano bons òmes e vennero definiti dagli inquisitori perfectes, predicavano il Vangelo di San Giovanni e conducevano una vita di rigorosa povertà; l’unico loro sacramento era il consolament, sorta di battesimo consapevole che obbligava a castità e povertà.

STRADA FEDERICO MISTRAL CHAMIN FREDERIC MISTRAL
Poeta provenzale nato a Maillane nel 1830 e morto nel 1914, è stato senza dubbio il più celebre scrittore in lingua d’òc. Le sue opere, fra cui Mireio, Lou pouemo dau Rose, Calendal, gli valsero nel 1904 il Premio Nobel per la letteratura.

STRADA LUIGI Alibert –  CHAMIN LOÍS ALIBERT
Linguista e filologo nato nel 1884 in Linguadoca e morto nel 1959, propose per la lingua occitana una grafia basata su quella classica trobadorica, e gettò le basi per una normalizzazione linguistica dell’occitano moderno.

STRADA FRANCESCO FONTAN CHAMIN FRANCESC FONTAN
Di origine guascone, nacque nel 1929: fu un teorico dell’etnismo e sostenitore della libertà dei popoli. Padre della rivendicazione nazionale occitana, diede alle valli la coscienza di appartenere all’Occitania. Trascorse gli ultimi anni della sua vita a Frassino, in Val Varaita, dove morì nel 1979.

 
Pagina visitata 5.335 volte.
- Torna a Inizio Pagina -